Che bel super potere, la felicità!

da Parole di miele

“Non preoccuparti piccola, troverai la tua strada”

Non sono piccola, ho già 6 anni e posso fare le cose da grandi” replicò la bimba con tono severo “piccola ero un tempo, quando andavo nella scuola dei piccoli e portavo il pannolino. Ora proprio no. Riesco a fare un sacco di cose da sola! Cose da grandi

“Cioè? Cosa sapresti fare da grande? Raccontami un po’”

Beh semplice, innanzitutto so parlare molto bene. Il pannolino non lo uso più e mi cambio da sola.. e non faccio nemmeno più la pipì nel letto. Spesso ho comunque paura, come quando rimango da sola al buio e temo di non essere davvero da sola. Ma sono comunque molto grande perché scappo, chiedo aiuto e quando non risponde nessuno non importa. Me la so cavare.” – “beh, direi che è un’ottima cosa, quella dall’affrontare le proprie paure” – “certamente. Tutti hanno paura di qualcosa, però insomma.. quando si è grandi si hanno paure diverse” sgranò gli occhi ed iniziò ad annuire con la testa, proprio come fanno i grandi. Ed iniziando a gesticolare dice “le paure dei grandi sono molto più grandi, questo mi dice sempre la mamma” – “ma tu, le hai mai viste queste << paure grandi>>?”

Rimase per un po’ in silenzio con la mano a supporto del mento e poi, posizionando l’indice verso l’alto rispose “certo che sì. Ad esempio mi ricordo che quando ero piccola, dormivo nel letto piccolo e insomma… il nostro che stava sotto il letto era di quelle dimensioni. Direi piccolo. Ora in camera mia è tutto molto più grande, infatti controllo sempre sotto prima di tirare le lenzuola… il mostro in questo caso dovrebbe essere molto grande e dovrei fare molta attenzione. Più divento grande, più i nostri diventano grandi”.. “e poi pensavo anche che non solo le paure crescono, perché ognuno di noi ha un potere, che cresce insieme a noi e diventa sempre più grande.” – “Un super potere potremmo dire” – “esattamente. Tu ne hai uno? Tutti ne hanno uno” – “non saprei.. non ci ho mai pensato, potrei provarci… e tu? Qual’è il tuo super potere?”

Si formò una piccola piega al lato del labbro sinistro, e gli occhi si socchiusero… con un’aria molto curiosa e pensosa, la bambina rimase assorta per qualche secondo. La piega del labbro si allargò e corse verso l’altro capo della bocca, trasformandosi un sorriso ed esultando “beh, ma certo, il mio super potere è… mmm… no no aspetta… o forse” e continuo a girare gli occhi nell’aria, come se tra le tante nuvolette aperte sopra la sua testa le stesse depennando in ordine di verità, o di passione. “Mmm no, aspetta… mi chiedevo, ma c’è forse un solo super potere? Perché a me vengono in mente tantissime cose che so fare. Sia da grandi che da piccini. So parlare, essere amica, mantenere i segreti e saltare più in alto di tutti. So battere mio papà braccio di ferro, e questo fa di me una bambina molto molto forte. Poi certo, la mia nonna dice che sono sempre molto gentile. Dico sempre grazie e scusa, quando so di aver sbagliato” .. “eh quindi, insomma…. perché avere un solo super potere?È molto più bello averne tanti. Tutti quelli che si desidera. E più si diventa grandi più se ne possono avere!! Giusto? Quando sarò più grande di ora vorrei tantissimi altri poteri! Come guidare, come cucinare molto bene e come magari suonare uno strumento! O magari avere tanti amici, sempre tutti diversi. Avere un cagnolino e stare con lui! Beh certo… vorrei anche saper volare.. sempre più in alto, fino a toccare le nuvole come gli uccellini.. e andare a trovare chi sta di la!! Così quando qui giù piove io vado su, fino in alto a superare la nuvola e a prendere il sole!! Quando c’è il sole tutto è più bello e tutti sono più felici. Possiamo giocare tutto insieme, andare al mare ed è come se fosse sempre vacanza. Ecco un altro super potere che vorrei, portare il sole da tutti quanti, e renderli tutti sempre felici, sconfiggendo tutti i mostri e tutte le cose che ci rendono tristi. Che bel super potere, la felicità.

You may also like

Lascia un commento